In questo post vi daremo una breve panoramica sulle origini del kimchi e vi forniremo una ricetta molto semplice che potrete provare a casa per preparare il vostro kimchi.

Ma che cos’è il Kimchi? il Kimchi è un piatto tradizionale preparato con verdure fermentate in salamoia. Il kimchi viene anche utilizzato come ingrediente per altre preparazioni come il kimchi jjigae – 김치 찌개 (zuppa di kimchi).

Nei tempi antichi, le popolazioni che vivevano sulla penisola coreana ottennero la padronanza del processo di fermentazione e le prime testimonianze sulla preparazione del Kimchi sono del 12° secolo, durante la dinastia Koryo.

Agli inizi il Kimchi veniva preparato senza l’utilizzo del peperoncino in quanto non era ancora disponibile in Asia e il condimento era preparato con lo zenzero o l’ aglio. Dopo la sua introduzione nel corso del 16 ° secolo, il peperoncino e la polvere di peperoncino divennero gli ingredienti chiave per il Kimchi fino ai nostri giorni.

Il Kimchi è senza dubbio uno dei tesori della cucina coreana e la sua preparazione è parte integrante della cultura coreana. Amici, parenti e vicini di casa si riuniscono prima dell’inverno per preparare il kimchi tutti insieme, durante il cosiddetto kimjang. La cucina coreana include tantissimi tipi di kimchi, e si utilizzano diverse verdure come il cavolo, il rafano, le zucchine, il cetriolo, la cipolla verde o le melanzane.

I coreani ne preparano in gran quantità che verrà consumata poco alla volta durante l’inverno. Se volete provare a preparare il kimchi di cavolo cinese, seguite la nostra ricetta:

 

Ingredienti

ingredienti kimchi

 

  • 1 cavolo cinese
  • 1 rafano Daikon di medie dimensioni (o 2 rafani più piccoli)
  • 1 cipolla
  • 4 cipollotti
  • 3 cucchiai di salsa di pesce (potete trovarla in qualsiasi negozio di alimentari asiatico). Per la versione vegetariana potete usare della salsa di soia.
  • 1/2 tazza di sale grosso
  • 1 aglio
  • 1 cucchiaio di zenzero tritato
  • 1 mela
  • 1 tazza (120 grammi) di peperoncino in polvere
  • ½ tazza (60 grammi) di farina di riso
  • 3 carote

 

Procedimento

  1. Tagliare il cavolo a metà, sciacquarlo e metterlo un recipiente grande. Versare acqua fino a coprirlo e versare mezza tazza di sale. Lasciare riposare per 2 ore: questo renderà le foglie più morbide. Mentre il cavolo è in ammollo, preparare la pasta di peperoncino (vedi sezione Pasta di peperoncino più in basso)
  1. Dopo due ore scolate il cavolo, sciacquatelo, tagliatelo a metà e mettetelo nella ciotola utilizzata per la pasta di peperoncino
  1. Distribuire il mix di pasta di peperoncino, verdure e salsa di riso tra tutte le foglie del cavolo
  1. Ripiegare le foglie più esterne lungo il cavolo (come nella foto più in basso)
  1. Ripetere il procedimento per l’altra metà

Pasta di peperoncino

  • Tagliare il rafano, i cipollotti e le carote in strisce sottili

kimchi ingredienti tagliati

  • Utilizzando un frullatore ad immersione o un robot da cucina, tritare l’aglio, la mela, la cipolla e lo zenzero.
  • Mischiare tutte le verdure in una ciotola
  • Aggiungere il peperoncino in polvere
  • Versare la salsa di pesce , mescolate e lasciate riposare per circa 30 min. Nel frattempo si può preparare la salsa di riso (vedi sotto).
  • Aggiungere la salsa di riso raffreddata al composto e mescolate
  • Assaggiate il composto e se non è abbastanza salato, aggiungere un po’ di salsa di pesce (o salsa di soia per i vegetariani)

Salsa di Riso

  • In un pentolino, versare 1 tazza di acqua e aggiungere la farina di riso a fuoco basso.
  • Mescolare lentamente fino a che non inizia a sobbollire. Far addensare.
  • Spegnere il fuoco e lasciar raffreddare

Il kimchi si può consumare fresco tagliando porzioni dal cavolo appena preparato o lasciarlo fermentare

La temperatura ideale è tra i 10 e i 15 gradi, quindi durante i periodi invernali è possibile lasciare il kimchi all’aperto in contenitori sigillati per 3 giorni (evidando la luce diretta), oppure a temperatura ambiente per 1 o 2 giorni. Dopo questo periodo si deve conservare in frigorifero.

Potrete utilizzare il kimchi preparato come contorno oppure come ingrediente per altri piatti come per esempio la zuppa di kimchi (kimchijjigae) o il riso saltato con il kimchi (kimchi bokkeumbap)

 

kimchi finale

17 Risposte

  1. Gianni

    Salve, ho intenzione di provare questa ricetta ma mi sono sorti dei dubbi:
    tra gli ingredienti della prima foto se non sbaglio si possono notare il rafano (accanto all’aglio – quello da cui si produce il wasabi) e il daikon, la radice bianca e grande in alto sotto le carote. Mentre nella ricetta è menzionato lo zenzero, che non mi sembra di vedere in foto.
    Inoltre, per tazza che quantitativo si intende più o meno?
    Grazie!

    Rispondi
    • Vincenzo

      Ciao Gianni!

      quello accanto all’aglio è lo zenzero intero :). Quello in alto bianco è il rafano daikon.
      Una tazza è circa 120 grammi, lo aggiungo alla lista degli ingredienti. Grazie! Fammi sapere come va la ricetta e condividi pure le foto se vuoi. Fammi sapere se hai bisogno di ulteriori chiarimenti!

      Rispondi
  2. icsa

    Ciao! Ma perché la mela? E perché la salsa di riso?
    Ho spulciato altre ricette e contengono molto meno ingredienti come anche il kimchi che compro nel mio negozio coreano di fiducia.
    Grazie!

    Rispondi
    • Vincenzo

      Ciao!
      Ottima domande 🙂
      Nella ricetta utilizziamo la mela per aggiungere dello zucchero naturale alla ricetta. Per quanto riguarda la salsa di riso, per il kimchi di cavolo si utilizza nelle ricette tradizionali ed aiuta a dare consistenza alla salsa e una distribuzione uniforme del condimento nelle foglie di cavolo.

      A presto,

      Vincenzo

      Rispondi
      • icsa

        Ok! Grazie. Mi procuro tutti gli ingredienti e procedo di kimchi 🙂

      • Icsa

        Scusami, ho un’altra domanda. Mi sono esposta e ho già promesso del kimchi artigianale quando lo farò a breve.
        Vorrei sapere se quella che seguirò sarà la ricetta tradizionale coreana. Nn mi attirano molto le carote nella ricetta.
        Grazie

      • Vincenzo

        Ciao, scusa ho letto solo ora il commento! Sì, quella che abbiamo scritto è una ricetta tradizionale. Se le carote non ti piacciono puoi sempre farne a meno :).

  3. simona

    buongiorno, volevo un’informazione: io la pasta di peperoncino ce l’ho già pronta (gochujang) come devo procedere per la preparazione del kimchi? grazie 1000

    Rispondi
    • Vincenzo

      Buongiorno Simona!
      Per fare il kimchi tradizionalmente non si usa il gochujang ma si prepara la salsa a partire dalla polvere di peperoncino (gochugaru) e gli altri ingredienti che ho elencato nella ricetta!

      Vincenzo

      Rispondi
    • Vincenzo

      Ciao Marco,

      Di solito dura parecchio se la preparazione è fatta bene e con contenitori sterilizzati, anche più di 4 settimane. Considera però che con il passare del tempo diventerà sempre più aspro quindi potrebbe non piacerti se non sei abituato al kimchi “vecchio” 🙂

      Rispondi
  4. Aurora

    Ciao. C’è una cosa che non mi è chiara… il kimchi lo posso mangiare anche subito dopo averlo preparato, giusto? Oppure devo comunque lasciarlo a fermentare?

    Rispondi
    • Vincenzo

      Ciao Aurora! il kimchi lo puoi mangiare anche appena preparato, certo!Sarà più simile ad una insalata piccante visto che la fermentazione deve ancora cominciare 🙂

      Rispondi
  5. mauro

    Una domanda 120g di peperoncino in polvere mi sembrano un’enormità; o il piccante si attenua in qualche modo oppure con il peperoncino che uso di solito il prodotto mi risulterebbe immangiabile
    Hai delle indicazioni sul tipo di peperoncino da usare?

    Rispondi
    • Vincenzo

      Ciao Mauro,

      Una tazza di peperoncino in polvere sono circa 120 grammi. Io ho utilizzato quello disponibile in Corea che non è troppo piccante ed il piccante si attenua dopo la preparazione. Nel caso utilizzi un altro tipo di peperoncino che è più piccante, utilizzane di meno. Dipende dal tuo gusto e da quanto vuoi il tuo kimchi piccante.

      Rispondi

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code