Ci sono varie forme di svago quando si è all’estero per semplice turismo o per motivi di lavoro/studio, e tra queste non può mancare l’opzione del parco divertimenti a tema, soprattutto se vi trovate a Seoul o dintorni. L’articolo di oggi è incentrato su Everland, uno dei più famosi ed il più grande della Corea. Si trova a sud dalla capitale ed è facilmente raggiungibile tramite autobus con una linea apposita.

Questo posto fa senz’altro per voi se siete amanti di mondi incantati che ricalcano la tipologia di Disneyland, Gardaland e affini, grazie ai suoi personaggi e alle sue ambientazioni caratteristiche. Avrete bisogno di almeno una giornata intera per assaporarlo in tutta la sua integrità, perché ce n’è davvero per tutti i gusti, con attrazioni adatte a qualunque età, dai più piccini ai più grandi, dai fan della fantasia in cerca di semplice relax a chi è alla ricerca di emozioni forti.
Ogni mese dell’anno presenta eventi diversi, e nel mio caso, essendomici recata agli inizi di aprile, il parco viene decorato con fiori, più specificatamente tulipani, piantati in quasi ogni punto e anche venduti, per chi vuole portarsi via il concetto di primavera tanto celebrato.

I punti di interesse preferiti e gettonati variano in base alla tipologia di visitatore, ma senza ombra di dubbio in cima alla lista di cosa assolutamente fare o provare c’è il T Express, una montagna russa la cui durata di 10 minuti vi farà sentire il fiato sospeso tra volteggi vari e rapidissimi. Il tempo di attesa per questa signora montagna russa si aggira in genere attorno a un’ora di tempo in media, e se siete un poco pazienti, ne vale davvero la pena. Pertanto, non appena arrivati con le idee chiare in questo magico luogo, correte subito a mettervi in fila, la quale è molto ingannevole vista da fuori, visto che si dirama per tutta la struttura. Di certo non vedrete bambini, considerando i limiti di età e di altezza, ma non per questo sarà meno affollata.
Immancabile è sicuramente l’area adibita per lo zoo con ogni sorta di specie animale, ove spiccano tigri, scimmie, ma soprattutto i panda, per i quali dovrete sgomitare per fare foto o semplicemente osservarli in tutta la loro interezza, oppure aspettare, visto che danno molto spesso le spalle. Ad ogni modo, la passeggiata vi porterà a visitare ogni sorta di habitat, con acquari, vivai e voliere.
I cliché sono sempre presenti, dalla giostra dei cavalli, che consiglio vivamente benché si sia superata una certa soglia di età, alla ruota panoramica, fino ai classici tronchi in acqua. I luoghi comuni non si limitano solo a questo, ma anche alle classiche avvertenze, come rispettare le regole del parco (specie i limiti imposti se siete fumatori) e vestirsi comodi, dettaglio molto importante poiché potreste anche rovinarvi l’atmosfera piacevole e divertente di questa esperienza.
Per quanto concerne i souvenirs, tanto amati da alcuni, troverete ogni sorta di chincaglieria che ricalca i personaggi di fantasia del parco per tutte l’età e che troverete in svariati angoli all’interno.


L’argomento pranzo, merenda e sfamarsi in generale prevede due fazioni: quelli organizzati che si portano tutto da casa/convenience store e quelli che per il semplice senso di praticità comprano in loco. I ristoranti e i caffè propongono opzioni per tutti i palati, a partire da quella coreana/locale ad asiatica in generale formato buffet e non, fino a locali che hanno le sembianze e menù di una birreria tedesca.

Per ulteriori informazioni e prezzi: www.everland.com/web/multi/english/everland/main.html

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code