La parola coreana banchina (반찬) indica i contorni, piatti essenziali della cucina coreana. I contorni vengono serviti in piccole porzioni nei ristoranti  e vengono condivisi tra tutti i commensali.  Nella cucina coreana esiste una gran varietà di questi contorni  a seconda del tipo di preparazione, degli ingredienti e della regione di provenienza:

Di solito in famiglia e nei ristoranti, si usa prepararne una gran quantità, che verrà consumata poco alla volta nell’arco di una settimana o due. Oggi parleremo di alcuni dei contorni più conosciuti e vi sveleremo altri meno conosciuti, preparati con ingredienti più esotici.

Con kimchi  si indicano verdure fermentate, preparate utilizzando di solito peperoncino in polvere, salsa di pesce, aglio, zenzero e sale. Ci sono tantissimi tipi di kimchi,  che spaziano dal salato all’agrodolce.

napak kimchi

Pechu kimchi (배추김치): preparato con cavolo cinese, peperoncino, cipollotti. È uno dei più comuni tipi di kimchi e viene preparato prima dell’inverno durante il kimjang.

 

 

 

 

kakdughi

Kakdughi (깍두기): il rafano bianco (daikon) viene tagliato a cubetti e condito con polvere di peperoncino, salsa di pesce e zenzero. Uno dei più conosciuti e apprezzati tipi di kimchi, spesso servito nei ristoranti. (foto da wikicommons)

 

 

 

kkennip kimchi

Kaennip kimchi (깻잎 김치): uno dei miei preferiti tipi di kimchi, preparato con foglie di sesamo. Dal gusto piccante ma allo stesso tempo rinfrescante, si sposa alla perfezione con il riso al vapore o la carne. (foto da .sandeulraefood.co.kr)

 

 

 

Il jorim indica un metodo di cottura a fuoco lento viene usato sia per verdure che per pesce, carne o tofu, e di solito il condimento è a base di salsa di soia,  ma occasionalmente può essere aggiunto anche del peperoncino

radici di loto

Yeongeun jorim (연근조림): radici di loto cotti con salsa di soia e zucchero. Un ingrediente esotico, di origine asiatica, dalle notevoli qualità nutrizionali: è infatti ricco di fibre e vitamine.

 

 

 

 

dubu jorim web

Dubu jorim (두부조림): fette di tofu compatto cotte con salsa di soia, olio di sesamo e cipollotti

 

 

 

 

jang jorim

Jang jorim (장조림): striscette di carne di manzo cotte con salsa di soia (foto da menupan.com)

 

 

 

 

I contorni a base esclusivamente di verdure, vengono detti namul (나물) e anche qui si ritrova una gran varietà sia nelle verdure di stagione utilizzate, nel metodo di cottura e nei condimenti. Nella cucina coreana vengono utilizzate tutte le parti delle verdure: radici, foglie, germogli, semi, frutti etc


spinaci banchan

Sigeumchi namul (시금치나물): spinaci scottati e conditi con salsa di soia, olio e semi di sesamo. Trovate qui la ricetta

 

 

 

 

melanzane

Gaji namul (가지나물): melanzane cotte al vapore e condite con una salsina a base di aceto, salsa di soia, aglio e peperoncino

 

 

 

 

kongnamul

Kongnamul (콩나물): insalata di germogli di soia condita con sale, aglio tritato, cipollotto e olio di sesamo. Fresca e croccante (foto da wikicommons)

 

 

 

 

ojingeo bokkumGeonojingeo bokkeum (건오징어볶음) strisce di seppia essiccate condite con salsa di soia e peperoncino piccante, successivamente saltate in padella.  In questo piatto si combinano dolce, salato e piccante! È uno snack molto diffuso ed è possible trovarlo anche nei supermercati. (foto da yoryda.com)

 

 

 

Gyeranjjim

Gyeranjjim (계란찜) uova sbattute cotte al vapore, condite con olio di sesamo e cipollotti. Ecco la nostra ricetta

 

 

 

 

Questi sono solo alcuni esempi dei moltissimi contorni tipici della cucina coreana. Avete mai assaggiato dei banchan? Quali sono quelli che vi piacciono di più?

 

(Immagine in evidenza da Lui Kit Wong – thenewstribune)

 

Scrivi

La tua email non sarà pubblicata

AlphaOmega Captcha Classica  –  Enter Security Code